Shadow

La banca centrale della Tanzania sta lavorando alla spinta alla criptovaluta del presidente

Secondo i rapporti, la Banca centrale della Tanzania ha affermato che sta lavorando alla direttiva del presidente per prepararsi alle criptovalute, indicando una possibile inversione del divieto che il paese era stato messo dal 2019.

In realtà, il nuovo presidente che ha preso il potere dopo il predecessore a marzo, ha affermato che l’arrivo della valuta digitale nella nazione Easy Africa era inevitabile.

Secondo la dichiarazione del presidente Samia Suluhu Hasan durante l’apertura della nuova filiale della banca centrale, “Nel settore finanziario, abbiamo assistito all’emergere della tecnologia blockchain o criptovaluta”.

Ha anche aggiunto: “Molti paesi nel mondo non hanno accettato o hanno iniziato a utilizzare queste valute. Tuttavia, vorrei consigliare alla banca centrale di iniziare a lavorare su tali questioni. Basta essere preparati”.

I suoi commenti sono arrivati ​​subito dopo che El Salvador è diventato il primo paese ad adottare bitcoin come moneta a corso legale, il che ha portato a un nuovo dibattito sul ruolo delle criptovalute nelle economie.

Nel 2019, la banca centrale della Tanzania aveva vietato le criptovalute nel novembre di quell’anno, affermando che non erano riconosciute dalla legge locale, tuttavia ora dice che si sta adattando ai commenti del presidente.

Le autorità bancarie hanno dichiarato che la banca sta lavorando alla direttiva data, tuttavia la banca ha anche rifiutato di fornire maggiori dettagli al riguardo.